Programmazione in breve


Lunedì 17 Febbraio
ore 21:00

Martedì 18 Febbraio
ore 15:30 - 21:00

CINEFORUM 2019 - 20

IL MISTERO DI HENRI PICK

 

INGRESSO RISERVATO
AGLI ABBONATI DEL CINEFORUM












Venerdì 21 Febbraio
ore 21:00

 


STAGIONE TEATRALE 2020

GIACOMO PORETTI: CHIEDIMI SE SONO DI TURNO







Sabato 22 Febbraio
ore 18:00 - 21:00
Domenica 23 Febbraio
ore 15:00 - 18:00 - 21:00


CINEMA WEEKEND

GLI ANNI PIU' BELLI






Lunedì 23 Febbraio
ore 21:00

Martedì 24 Febbraio
ore 15:30 - 21:00


CINEFORUM 2019-20
speciale FUORI DI CINEMA


LA DEA FORTUNA

INGRESSO
con ABBONAMENTO e con BIGLIETTO




ATTENZIONE: La programmazione potrebbe subire delle variazioni indipendenti dalla volontà dell' Associazione Capitan Bovo.

ARCHIVIO STAGIONI TEATRALI

ARCHIVIO TEATRO RAGAZZI

Biglietteria elettronica

Il teatro CAPITAN BOVO è inserito nel sistema di biglietteria

Questo sistema permette di acquistare il biglietto attraverso internet, nelle rivendite autorizzate di tutta Italia, e al telefono

Acquista i biglietti teatrali con carta di credito telefonando al

ARCHIVIO TEATRO RAGAZZI 2011

Qui di seguito gli spettacoli del teatro ragazzi edizione 2011 organizzato dall'assessorato alla cultura del comune di Isola della Scala.

FONDAZIONE AIDA in: IL PRINCIPE FELICE (ingresso libero)

IL PRINCIPE FELICE Di Lorenzo Bassotto da una novella di Oscar Wilde Con: Lorenzo Bassotto e Roberto Macchi Tecnico audio luci Giancarlo Dalla Chiara Regia Lorenzo Bassotto

Età consigliata: scuola elementare Durata: 60 minuti

E' tratta da una delle fiabe più note, belle, ironiche e commoventi di Oscar Wilde. E' la storia di una profonda amicizia che nasce tra un rondinotto e un principe, ormai statua impreziosita da gioielli pregiati. Amicizia che evolverà fino a diventare amore e condivisione di una sorte apparentemente amara. Nonostante l'arrivo imminente dell'inverno, la rondine rimane per aiutare il principe a distribuire le sue ricchezze ai poveri e ai diseredati della città, dei quali il principe non si era mai accorto quando era un principe in carne ed ossa, perché costretto a vivere perennemente felice dentro le mura del suo invalicabile castello. Vuole essere dolce, vivace, ironico e commovente proprio come lo è la fiaba capolavoro di Oscar Wilde che sa unire sapientemente tutti questi elementi senza mai indugiare troppo sull'uno o sull'altro. Sul palcoscenico due attori che narrano, si muovono, cantano, e dalle cui mani, dal nulla, come per magia, utilizzando pezzi di carta e cartoncino, tutto nasce e la storia si dipana. Sotto gli occhi dello spettatore si formano nuvole, rondini, angeli, fiori, ecc. Tutte le forme realizzate con la carta sono facilmente ricostruibili anche dai bambini.

TEMATICHE L'amicizia è un bel sentimento che ci gratifica ma ci richiede anche molta dedizione. L'amore ci dà entusiasmo ma può richiederci anche spirito di sacrificio. Sentimenti grandi, nobili, che spesso si trovano a fare i conti con un mondo fatto di cose molto più piccole e meschine. Non si può dire: basterebbe poco.

FONDAZIONE AIDA in: STORIE DI GNOMI CORAGGIOSI (ingresso libero)

Liberamente ispirato a “Lo gnomo del ricordo” Di Paola Favero Con Monica Ceccardi e Emanuela Camozzi costumi e pupazzi di Linda di Giacomo Scenografie Daniele Adami Musiche Diego Carli Consulenza danze popolari Cristina Vignato Testo e Regia: Nicoletta Vicentini Tecnici audio luci Giancarlo Dalla Chiara e Mattia Cobbe

Fascia d’età: 3-10 anni Durata: 60 minuti

“Ai bambini che si lasciano portare nel vento della fantasia rivelandoci un mondo di fiaba e d’incanto spesso dimenticato, alle montagne lucenti e alle valli verdi e selvagge, dove le crode illuminate dalla luna disegnano sagome bizzarre ed un brivido di mistero ci scuote il cuore. Alle Creature Fatate che vivono ancora lassù e in qualche angolo segreto dentro di noi.” ‘C’era una volta una bambina che ogni notte, prima di addormentarsi, chiamava vicino al suo lettino l’omino dei sogni, e per chiamarlo, quando scendeva il buio, accendeva una lucetta blu. Al suo lieve bagliore la stanza si riempiva di profumi e strani suoni, ed il letto pullulava all’improvviso di gnomi che si nascondevano sotto le lenzuola, di elfi dispettosi e di buone fatine…’ Lo spettacolo racconta storie piene di meraviglie del piccolo popolo degli gnomi e di altri mondi fatati, storie che parlano di un mondo luminoso e colorato come un quadro naif, con presepi di paesini in mezzo ai prati e si rivolge a piccoli, genitori e nonni che credono nel miracolo delle cose che parlano al cuore, tanto da sapere che un bosco con i suoi piccoli abitanti è tutto un fremito prodigioso di vita, che la fioritura di una prateria alpina è un manto di gialli, bianchi, rossi e turchesi ben più squillante di un cartoon televisivo e che un tetto di stelle oramai risplende solo in montagna. Ci sono poi richiami alle montagne, alle valli, ai torrenti, un mondo misterioso che diventa via via più familiare, mentre la natura che lo permea tutto ci cattura con la sua forza, con le piante, gli animali, i ritmi del bosco, e l’amore che sentiamo crescere dentro di noi. Ci sono i personaggi magici, gli gnomi, c’è infine il desiderio di salvare tutto questo mondo di fantasia e d’incanto, di natura e di racconto, perché le creature fatate non abbiano a scomparire per sempre dai nostri sogni. Lo spettacolo vuole stimolare la lettura e la narrazione perchè in questi nostri tempi di stampo utilitaristico e di bassa connotazione, la narrazione e l’immaginario occupano uno spazio preciso e importante, un angolo nascosto nel cuore degli adulti, occorre ritrovare l’importanza della fiaba, con l’atmosfera di magia ed incanto che sa creare attorno a sé.